[02/07/20]

Se non utilizzato, il credito IVA indicato in misura superiore a quella spettante non è un illecito

a cura di Orlando Lamonica

Pubblicato su IPSOA quotidiano del 2 luglio 2020

* * *

Secondo quanto deciso dalla Corte di Cassazione, nella sentenza n. 13101 del 30 giugno 2020, ove il contribuente, dopo aver utilizzato parzialmente un credito IVA mediante compensazione con altro tributo, negli anni successivi continui a dichiararlo in misura superiore alla residua parte spettante, non è configurabile un indebito o fraudolento utilizzo del medesimo credito, se all’irregolarità formale della dichiarazione non segua il mancato versamento di imposte, cui è riconducibile un concreto danno erariale.

Una società riceveva una cartella di pagamento con la quale veniva contestato l’omesso versamento IRES ed IVA con conseguente richiesta di pagamento delle maggiori imposte dovute, oltre alle sanzioni e agli interessi.

Continua la lettura 



Indietro